Futuro verde
© Vida Černe: Buona partecipazione a un seminario sulla potatura

Futuro verde

La Slovenia cerca di presentarsi con un’immagine verde. Negli slogan pubblicitari utilizzati per il turismo e altri scopi, si fa largo uso di termini come sostenibile, verde, responsabile, ecologico.

Si vuole così promuovere il turismo sostenibile, offrire alternative verdi ai visitatori così come programmi turistici responsabili e alimenti prodotti da coltivazioni biologiche. Si tratta tuttavia di aspirazioni ambiziose che nella prassi non sono poi così facilmente realizzabili, come sarebbe auspicato a livello locale. Gli abitanti delle Alpi sono abituati a condizioni di vita e di coltivazione della terra particolarmente dure e a un’accessibilità talvolta difficoltosa. Conoscono i capricci della natura e proprio per questo auspicano che la loro vita non sia ulteriormente gravata da trovate burocratiche e idee di coloro che plasmano già il loro destino con leggi e disposizioni.

Spesso nei comuni si incontrano persone che hanno cercato di mettere in pratica idee imprenditoriali concrete, ma si sono scontrati con difficoltà notevoli, a volte insormontabili. Soprattutto le soluzioni e le scelte innovative – e la relativa transizione a nuovi metodi, sicuramente più sostenibili, anche se inizialmente meno redditizi – hanno spesso incontrato svariati ostacoli.

L’introduzione di diversi «certificati verdi» è una procedura complessa e difficoltosa. L’aspirazione a un rapido successo alla “vecchia maniera” porta spesso a decisioni a favore di un’offerta turistica collaudata e consolidata, che tuttavia nel lungo periodo si rivela dannosa per lo spazio alpino.

I comuni sono costantemente impegnati a compiere piccoli passi avanti. Con progetti orientati alla sostenibilità si cerca di coinvolgere il maggior numero possibile di cittadini e di aprire loro una nuova prospettiva sul pregiato territorio alpino. Tra questi anche alcuni progetti che in passato sono stati attuati nell’ambito di dynAlp, tre dei quali vengono ancora proseguiti con successo. La pedagogia del bosco (dynAlp climate) è un progetto molto apprezzato dei comuni di Kranjska Gora e Kamnik, che in seguito è stato trasferito a tutta la Slovenia. A Kamnik viene inoltre proseguito il progetto sui frutteti estensivi ad alto fusto (dynAlp Natur) e nei comuni di Kranjska Gora, Bohinj e Bovec il progetto di limitazione del traffico nelle valli alpine  (Dynalp e Dynalp2). Oltre alle iniziative citate, nei comuni sono in corso anche altri progetti sostenibili che si basano sulla consapevolezza che OGGI è nostro dovere adoperarci per un FUTURO più verde.