Si auspica un aumento dell’afflusso di immigrati: Bad Eisenkappel/A
Galleria: 2 immagini
© Comune Bad Eisenkappel/A

Si auspica un aumento dell’afflusso di immigrati: Bad Eisenkappel/A

Il comune è già molto attivo nei settori del turismo e dell’energia. Ora intende adottare provvedimenti volti a favorire un maggior afflusso di immigrati.

L’integrazione si raggiunge quando i comuni prendono in considerazione allo stesso modo le esigenze della popolazione locale e quelle delle persone immigrate. Tutti gli abitanti devono potersi sentire a proprio agio nel proprio contesto di vita per poterci rimanere volentieri. Nel quadro del progetto comunitario PlurAlps la Rete di comuni aiuta 10 comuni pilota a perseguire questo obiettivo. Si tratta di sviluppare insieme uno strumento per la programmazione sociale a medio lungo termine nei comuni, che viene poi sperimentato nei comuni pilota.

A Eisenkappel l’integrazione di diversi gruppi di abitanti ha un’importanza centrale nella convivenza sociale della comunità. Il comune è situato in una regione austriaca bilingue: i 2.346 abitanti sono per il 57% di lingua tedesca e per il 38% di lingua slovena. Per molti anni Eisenkappel è stato un comune di emigrazione, attualmente si è raggiunta una situazione di equilibrio tra emigrazione e immigrazione; si auspica tuttavia un aumento dell’afflusso di immigrati.

Negli ultimi anni il comune si è pertanto attivato per predisporre una buona offerta di servizi, in modo da avere una maggior capacità di attrarre nuovi abitanti. Bad Eisenkappel vorrebbe ottenere un quadro sull’offerta attualmente a disposizione dei cittadini. Un obiettivo è trattenere a lungo termine il personale qualificato nel settore del turismo. Bad Eisenkappel auspica anche di fare passi avanti in questo campo e di imparare dalle esperienze di altri. Sono richieste in particolare idee per un rapido coinvolgimento dei nuovi cittadini. 

Bad Eisenkappel è situato nel distretto di Völkermarkt ed è il comune austriaco più meridionale nel Land della Carinzia. È collocato in una valle con orientamento nord-sud e confina con la Slovenia. Dopo la chiusura della ferrovia regionale, il collegamento con i centri vicini è molto carente. Con il declino della siderurgia il comune ha cercato di promuovere il turismo, in modo da trattenere le persone nella valle. Attualmente il comune intende sviluppare maggiormente i servizi per incentivare in particolare i giovani a rimanere.

Sono attive cooperazioni con i comuni della regione Carinzia meridionale-Caravanche nel settore del turismo e dell’energia. Proprio l’energia rappresenta da alcuni anni una priorità del comune e potrebbe offrire molte opportunità di impegnarsi attivamente e dare un contributo proprio.

In occasione delle celebrazioni per i 750 anni dal riconoscimento di “comune di mercato” è in corso di elaborazione un nuovo modello guida sui temi spazio vitale, convivenza e servizi ai cittadini.

Questo progetto è cofinanziato dal Fondo europeo dello sviluppo regionale (EFRE) tramite il Interreg Programma Spazio Alpino. E dal Ministero tedesco dell’ambiente (BMUB).