Convenzione delle Alpi
Biosphärenpark Grosses Walsertal/A. © Karl Heinz Martin

Convenzione delle Alpi

La Rete di comuni orienta la sua attività ai principi della Convenzione delle Alpi, un trattato internazionale stipulato tra gli Stati alpini e l’UE per uno sviluppo sostenibile dello spazio alpino.

La sua attuazione deve prendere vita là dove i singoli possono dare il loro contributo, ovverosia nel comune. “Alleanza nelle Alpi” è una delle 16 organizzazioni che hanno ottenuto il riconoscimento di osservatori ufficiali e che possono quindi partecipare ai lavori del Comitato permanente, senza avere tuttavia competenze decisionali. La Rete di comuni si impegna attivamente negli organi della Convenzione delle Alpi, partecipa allo scambio tra gli Stati alpini e si mantiene in contatto con le altre organizzazioni con status di osservatore, tra le quali la CIPRA, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi, la Rete delle aree protette alpine ALPARC e la rete di città “Città alpina dell’anno”.

La Convenzione quadro, contenente i principi generali e ormai ratificata da tutte le Parti contraenti, si concretizza attraverso i cosiddetti Protocolli di attuazione, previsti per dodici settori, otto dei quali già definiti:

Per informazioni dettagliate si rimanda al sito ufficiale della Convenzione delle Alpi www.alpconv.org.

Insieme per rafforzare lo spazio alpino

Si intensifica la cooperazione tra la Rete di comuni e gli organi della Convenzione delle Alpi.

altro