PlurAlps

Progetti / PlurAlps
PlurAlps
Festa delle culture, Rankweil/A © Ingrid Ionian

Obiettivo del progetto

Sviluppo di una cultura dell’accoglienza per una maggiore attrattività e coesione sociale nelle aree rurali.

Durata del progetto: 2016 - 2019
Partner: Regional Development Vorarlberg, CIPRA International Lab GmbH, Regional Development Agency Upper Styria East GmbH, Community Network Alliance in the Alps, European Academy of Bozen, Piemont Region, Franco Demarchi Foundation, Urban Planning Institute of the Republic of Slovenia, Auvergne Rhone-Alps Region, Lucerne University of Applied Sciences and Arts
Contributo: € 2,7 Mio., di ciò 85% Fondo europeo dello sviluppo regionale (EFRE): Interreg Programma Spazio Alpino e 15% Ministero tedesco dell’ambiente (BMUB)
Temi: Cambiamento demografico , Integrazione
Sostenitori: Cofinanziamento Fondo europeo dello sviluppo regionale (EFRE): Interreg Programma Spazio Alpino, Ministero tedesco dell’ambiente (BMUB)
Membri: Budoia/I, Kamnik/SL, Gaschurn/A, Aschau im Chiemgau/D, Les Belleville/F, Übersee/D, Eisenkappel-Vellach/A

Nei prossimi anni lo spazio alpino dovrà fare i conti con le sfide combinate dell’invecchiamento della popolazione e di nuovi modelli migratori. In questo quadro emergono tuttavia anche opportunità di innovazione sociale favorita dalla molteplicità e da un pluralismo consapevolmente perseguito. In particolare le aree rurali e le regioni di montagna hanno bisogno di nuovi approcci per una cultura dell’accoglienza ampiamente condivisa. PlurAlps si propone di sostenere i comuni, le piccole e medie imprese e la società civile nello sviluppo di una cultura dell’accoglienza, in modo da rafforzare l’attrattività e la coesione sociale nelle aree rurali.

La Rete di comuni “Alleanza nelle Alpi” collabora a questo progetto insieme ad almeno 10 comuni pilota di 7 Stati alpini per sviluppare uno strumento per la programmazione sociale a medio lungo termine nei comuni.

Lo strumento per la programmazione sociale è costituito da due parti:

  1. Un catalogo di domande comprendente diversi campi d’azione (ad es. servizi di vicinato, mobilità, abitazione, assistenza, assistenza all’infanzia...) è a disposizione come strumento user-friendly online. Oltre ai dati statistici vengono riportati anche i servizi e le offerte nel comune. L’accento è posto sulle seguenti domande centrali:
  • Quale qualità della vita trovano la popolazione e gli immigrati? Come può essere migliorata?
  • Quali offerte all’interno di un comune favoriscono una rapida integrazione di tutte le forme di immigrazione nel comune – dalla migrazione interna a quella dei rifugiati?
  1. Lo svolgimento dell’intero processo si avvale del supporto di un manuale, in cui è descritta l’impostazione del seminario. Esso presenta proposte sulla composizione del gruppo del progetto e una guida per l’elaborazione di un piano d’azione e lo svolgimento di un’autovalutazione. Il piano d’azione deve comprendere misure volte a migliorare, integrare e ampliare le offerte e i servizi esistenti.

Manifestazione di apertura a Dornbirn/A

Questo progetto è cofinanziato dal Fondo europeo dello sviluppo regionale (EFRE) tramite il Interreg Programma Spazio Alpino. E dal Ministero tedesco dell’ambiente (BMUB).