Esempio di buone pratiche – attuazione di un progetto KLAR! sulla protezione delle api
Galleria: 2 immagini
©Peter Plaimer

Esempio di buone pratiche – attuazione di un progetto KLAR! sulla protezione delle api

Nella regione dell’Alleanza Carinzia meridionale, in collaborazione con il progetto “BeeAware”, è stata attuata con successo una misura di sensibilizzazione per la protezione degli insetti.

In collaborazione con il comune AidA Gallizien, la scuola elementare, l’associazione degli apicoltori e la regione modello KLAR! della Carinzia meridionale, nell’anno scolastico 2018/19 è stato scelto il tema chiave “Api & apicoltura”. Il punto qualificante è stato l’allestimento di un apiario didattico e sperimentale su un prato messo a disposizione dal comune per affrontare i temi della protezione delle api e del cambiamento climatico con un approccio ampio e articolato. Servono collaboratori e sostenitori impegnati, in questo caso i membri dell’associazione di apicoltori, gli insegnanti e gli alunni della scuola elementare, un comune motivato e un sindaco apicoltore, Harald Jost dell’associazione apicoltori, che nel tempo libero tiene laboratori nella scuola ed è inoltre il principale responsabile dell’organizzazione e della realizzazione dell’apiario didattico e sperimentale.

Inoltre 1.000 m² di prato sono stati lavorati e seminati con semi di erbacee perenni favorevoli alle api. Una serie di pannelli informativi richiamano l’attenzione su problemi derivanti dal cambiamento climatico (ad esempio, nicchie ecologiche per le api selvatiche, aumento delle temperature, varroa ecc.). Sul tema specifico delle api selvatiche, in collaborazione con la scuola elementare di Gallizien, è stato realizzato un piccolo percorso ad anello dotato di pannelli informativi e hotel per le api e gli insetti.

L’interazione tra gli attori è senza dubbio un fattore di successo. In particolare sono da sottolineare, la scuola elementare, impegnata e interessata all’argomento, che ha integrato questo tema nelle lezioni per tutto l’anno scolastico, e la buona collaborazione del Segretariato AidA e del comune di Gallizien, che ha messo a disposizione una superficie di 2.000 m², sul quale è stato allestito l’apiario didattico e sperimentale, che in futuro diventerà un luogo di incontro e di scambio su questi temi.

La cosa più importante è trovare la disponibilità di tali attori, sfruttare le reti esistenti e riunirle. In tal modo si possono fornire stimoli ai comuni in modo che siano all’altezza delle loro responsabilità per il futuro.

Maggiori informazioni sul progetto “BeeAware” sono disponibili su:

https://alpenallianz.org/de/projekte/beeaware; http://beeaware.blog/

 

Nella regione dell’Alleanza della Carinzia meridionale, 7 comuni si sono uniti per formare una regione modello di adattamento ai cambiamenti climatici (KLAR, Klimawandelanpassungsmodellregion). L’iniziativa federale del Fondo per il clima persegue l’obiettivo di far sì che le regioni KLAR, con il coinvolgimento dei decisori politici e delle amministrazioni, contribuiscano ad affrontare la questione del cambiamento climatico tra la popolazione e a creare le premesse per evitare forme di cattivo adattamento nella regione e nei comuni.

L’adattamento mira a reagire con lungimiranza ai cambiamenti climatici già avvenuti e futuri (ad es. aumento dei giorni di calore) e ad adottare misure per evitare danni e sfruttare le opportunità che ne derivano (ad es. turismo sostenibile).

Per l’adattamento si può fare ricorso a un’ampia gamma di opzioni: ad esempio, iniziative di informazione che puntano principalmente sulla sensibilizzazione, misure “verdi”, come la rinaturalizzazione di un corso d’acqua o misure “grigie”, come interventi tecnici di stabilizzazione dei pendii o di protezione dalle inondazioni. Queste possono essere realizzate sia da cittadini interessati che da comuni/regioni o da istituzioni pubbliche e private.